Paese del cuoredi Cesare Persiani

… mi infilo quasi di soppiatto dietro pagine così ricche di storia e di architettura con alcuni versi in vernacolo che rievocano un passato ormai remoto…È una poesiola ch’io composi molto tempo fa, quando, da pochi anni a Sorisole, andavo qualche volta ad accogliere i miei bambini alla fine delle lezioni; sempre, in quel momento,mi ritornava nel cuore la scuoletta del paese natale, e rivedevo mia madre che veniva ad aspettarmi all’uscita. (I paesaggio era assai diverso, da noi in pianura, ma gli scolaretti, tra queste dolci colline, quelli erano sempre gli stessi, il loro gridare era ugualmente festoso, il garrire delle rondini finalmente liberate nel cielo…   Tanto tempo è passato, da allora, ed i paesi si sono molto ingranditi, rumori meno gentili li pervadono, li avviliscono, quasi; e le rondini sono fuggite. Ma tutti custodiamo gelosamente dentro di noi un “paese del cuore” e assomiglia sempre a se stesso, ovunque ci troviamo, ovunque ci sia uno sciamare di bambini a fine scuola.

Ol Paìs delCòr                                                          Il Paese del Cuore
Se sère i òcc ù momènt me comparéss innacc,’nde la memòria dù tep urmai luntàol Paìs del me Cor

óna sbrofada de casète bianche

ai pè del mut, in mess a vigne e pracc

Se chiudo gli occhi un momento mi appare,nella memoria d’un tempo ormai lontanoil Paese del mio Cuore:

una spruzzata di casette bianche

ai piedi del monte, in mezzo a vigne e prati.

L’è ù paisì coèt, senza pretésa,sensa palàss gnè màchine; sul frecàssl’è ‘l cipà di rondene sola cesa

l’è ‘l tontognà dù fosadèl fra i sass,

l’è, prim de noce, co la so uss de mama

la campana dei’ “Angelus”che ciama

È un paesino tranquillo, senza pretesa,senza palazzi, né automobili; il solo rumore‘è il garrire delle rondini sopra la chiesa,

è il borbottare d’un ruscello tra i sassi,

‘è, prima di notte, con la sua voce di mamma,

la campana dell’ “Angelus” che chiama.

Ai par sèmper alégher chel paisì,sìess col bel tep, quando ‘l sul che scuriuzà’ndì lastre di finestre, ol berechì

la fa sberluss come oregì de spusa,

siess quando ‘I piòf, e l’aqua canterina

so toce chi tecc de copp la ciciarìna

Sembra sempre allegro, quel paesino,sia col bel tempo, quando il sole che va a curiosarenei vetri delle finestre, il birichino,

li fa risplendere come orecchini da sposa,

sia quando piove, e l’acqua canterina

su tutti quei tetti di coppi va chiacchierando…

Là no ghè discordie, là no ghè questiù,

là i sa òlbe tóce, l’è tota buna zet,

come óna gran famèa…Ghè ù preostù

de otant’agn, grasòt, semper contét,

gran casadùr, che ‘l diss la Messa ‘n foria

col s-ciòpp e i’ca scundìcc ‘nde cantoria

Là non ci sono discordie, là non ci sono questioni,là si voglion tutti bene, è tutta buona gente,come una grande famiglia… C’è un grosso parroco

di ottant’anni, bel grasso, sempre contento,

gran cacciatore, che dice Messa in furia,

con lo schioppo e il cane nascosti nella cantoria

Ghè ù vecc dutùr che sèmper al vurdìnasòcher matricàl o camamelàghè ù sindech brào, co la so bràa bògina,

(che, forse, il a face so pròpe per chèla

de fèsta, sol segràt, co i so asesùr,

l se tròa e i mèi a posi i so laùr.

C’è un vecchio medico che sempre prescrivezucchero “matricale” o camomilla,c’è un sindaco bravo, con la sua brava pancetta,

(e, forse l’hanno eletto proprio per quella…);

alla domenica, sul sagrato, con i suoi assessori,

si incontrano e sistemano le loro incombenze

Ghè ù sertùr che a stess tep a! fa ol barbèrghè un organèsta che l’è po’a sbianchìe po’ a sagrèsta; ghè ‘l zuen del calsolèr

che ‘l laura e ‘I canta, sentàt al so banchi,

e, cantando, li smicia so a chèl balcù

‘ndo i passa inàc e ‘ndré du bei tressù…

C’è un sarto che allo stesso tempo fa il barbiere,c’è un organista che è anche imbianchinoe anche sagrestano; c’è il garzone del calzolaio

che lavora e canta, seduto al suo banchetto,

e, cantando, da occhiate su a quel balcone

dove passano avanti e indietro due belle e grosse trecce…

Quan ve l’inverno ol paisì ‘l se ‘ndormentasotà la coèrta bianca, e tott al tass,se fò ‘ndi strade ol frecc al te tormenta

te se sèret in cà ‘ndo ghè cold e pas

denàcc ai brasche impèse ‘ridel carni

chi luss e i brila come córesì

Quando viene l’inverno il paesino si addormentasotto la coperta bianca, e tutto tace,se fuori nelle strade il freddo ti tormenta

ti chiudi in casa dove c’è caldo e pace

davanti alle braci accese nel camino

che ardono e brillano come piccoli cuori.

Ma se ria primaéra, i s-ciopa fò i culùr’n di pracc, ‘n di foss, e ogne casètala sa stima a metì fò i so fiùr;

ai se desda ol paisì come òna s-ceta

a!prim basi… I serése fiurìde ogne matìna

i par nìole bianche so in colina

Ma se arriva primavera, esplodono i colorinei prati, nei fossi, e ogni casettasi pavoneggia a esporre i suoi fiori;

si sveglia il paesino come una ragazza

al primo bacio… I ciliegi fioriti, ogni mattina,

sembravano nuvole bianche su una collina.

E quate marne! Ghè s-cetì a rossàdeche, finìt scola, in brass a lure i se sgùla.N’d’estàt i passa i car de fé ‘ndi strade

e i lassa ‘ndrè ù perfòm che te cunsùla;

e d’aòtòmo se sent, quan che tuma o ‘l frecc,

ol TE-LON TE-LON di malghe chi va a tecc.

E quante mamme! Ci sono bambini a frotteche, finita la scuola, si sgolano nel loro braccio.D’estate passano i carri di fieno per le strade

e lasciano una scìa di profumo che ti consola;

e, d’autunno, quando toma il freddo, si sente

il TE-LON TE-LON delle mandrie che rientrano.

E ghè là in fond, dré au cancelì rósnétche sigla, u cap de cruss in mès a l’erba menta’ndo che s’va a posass ala fi co la so zet

sóta ù ciprèss che al vent al se lomenta…

 

Chesto l’è ol pais del còr, e chi la ‘ol vèt

al sére ù moment i ócc e al  turne s’cèt!

E c’è là in fondo, dietro un cancellino arrugginitoche cigola, un campo di croci tra la mentucciadove si va a riposare in fine tra i propri cari

sotto un cipresso che al vento si lamenta…

 

Questo è il paese del cuore, e chi vuoi vederlo,

chiuda un attimo gli occhi e torni i bambino!

 

Leave a reply